Vita da freelance: flessibilità vs claustrofobia lavorativa?