Cambiamento per innamoramento

Voglio che ogni mattino
sia per me un capodanno.
Ogni giorno voglio fare
i conti con me stesso,
e rinnovarmi ogni giorno.
Gramsci

Il Cambiamento è una di quelle parole che mi accompagnano da una vita.

Quest’anno festeggio, se così si può dire, 15 anni da un viaggio del cambiamento.
Il giro dell’Irlanda con lo zaino sulle spalle e tanta voglia di mettermi in gioco. L’ho anche inciso indelebilmente sulla mia pelle, il simbolo del cambiamento. Un bel triskele che rappresenta molte cose, se ti interessa vai a cercare un po’ di significati e ti perderai in un affascinante mondo celtico!

Per me significa vivere con tutta me stessa il cambiamento che fa parte della vita. Perché siamo fatti di passato e futuro, ma dobbiamo vivere il presente per sentirci bene. Per capire il nostro posto nel mondo. Per non farci sopraffare dalle cose che non vanno, dai desideri che non sono fatti per noi.

Il cambiamento va a braccetto con l’innamoramento

In questo 2019, iniziato faticosamente, mi sento forte dei cambiamenti che ho messo in atto per vivere come vorrei.

Parlo spesso di innamoramento, lo so, ti sembrerò sdolcinata. Ma ho capito che, per stare bene, per affrontare in maniera resiliente le prove che ci mette lungo il cammino la vita, bisogna amare. E io non voglio esimermi da questa cosa.

Amo il mio lavoro ed è per questo che ho preso delle decisioni che forse avrai notato, se mi segui da un po’, se mi frequenti o se sei approdato sul mio sito dopo qualche tempo che non ci passavi.

Cambiamento non è tormento

Per me cambiare fa parte del percorso, mi aiuta come se fosse linfa vitale e ridona energia per ributtarsi nel mondo.
Una delle piccole rivoluzioni che ho vissuto in questo 2019 è stato quello di accettare, finalmente, di essere una Persona Altamente Sensibile. Ne parla Marilena Florio, una cara amica che ha lanciato un progetto a riguardo. Ti consiglio di seguirla, perché faremo la rivoluzione, noi sensibili!

Nel mio lavoro, questa consapevolezza, ha davvero cambiato le carte in tavola. Capire i propri limiti, ma anche i propri pregi e punti di forza è il vero asso nella manica di chi lavora come libero professionista. Perché nessuno ti spiega come diventare la freelancer che sogni di essere. Ci sono milioni di professionisti, in internet e nel mondo, che ti possono aiutare. Ma, quello che non possono fare (e neanche io come personal brander) è quello di entrare nella tua testa. 

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo, parafrasando Gandhi.
Quindi festeggiamo i cambiamenti. Gli ostacoli superati e quelli che ci hanno fatto cadere. Festeggiamo le debolezze che diventeranno punti di forza e orgoglio. 
Non basta un tatuaggio per ricordarci chi siamo, dobbiamo viverlo ogni giorno, nelle azioni, nei gesti e nelle parole che devono essere coerenti.

Da quest’anno ho concretizzato un po’ di cosine che avevo tenuto in un bel cassetto ordinato in attesa del momento migliore. Che però, ti svelo…non esiste! Non ci sarà mai il momento perfetto, ma il momento giusto per te. 

Una su tutte diventare Canva Ambassador, una Udemy teacher e lanciarmi di più nel Personal Branding. Sto studiando, mettendomi in gioco, appassionandomi di materie affascinanti come il Growth hacking. Ho una postazione volante presso la Bottega Miller e questo mi ha davvero cambiata e fatta evolvere. Belle persone, ottimi professionisti e davvero molto campo di azione per crescere. 

Quali sono i cambiamenti che metterai in atto tu, nel tuo mondo? 

Ti è piaciuto?

Ti sono piaciuti questi consigli? Quali preferiresti leggere?
Quali pensi che metterai in pratica?

Condividilo nel gruppo Be a Greenlancer e iscriviti alla mia newsletter sarai sempre aggiornata sui contenuti e gli argomenti dei quali parlo!