Eugenia: di buona stirpe, ben nata...

Dalle origini ai giorni nostri...

Mi chiamo Eugenia Brini, nome splendido ereditato dalla mia nonna materna.
Il suo significato è Ben nato, di buona nascita (‘eughenés’: ‘eu’ = buono, felice e ‘ghénos’ = origine). E io così mi sento: nata sotto una buona stella, in una famiglia che è sempre stata un porto sicuro e un trampolino verso mondi affascinanti e scoperte grandiose.

Ho 36 anni, vivo a Vercelli, sono neo mamma (da maggio 2016) e freelance (dal 2014) come Graphic & Visual Designer e docente di cucina naturale. Le mie molteplici sfaccettature caratteriali hanno generato questo dualismo nella mia professione. Ma in entrambi i mondi mi contraddistinguo come ricercatrice di soluzioni creative per semplificare la vita delle persone.
Ho conseguito un diploma di Tecnico della stampa presso il Politecnico di Torino, facoltà di Architettura, corso che poi è diventato laurea breve in Graphic & Virtual Design. Le mie grandi passioni, negli anni della formazione, mi hanno portata a immergermi nello studio della calligrafia, della grafica, ma anche della cucina naturale: tutto quello che mi appassionava è diventato un bagaglio importante per arrivare fino a qui.

Dopo un anno di servizio civile a Torino, presso The Gate (meraviglioso!) e un periodo di lavoro presso Pagine Gialle, ho deciso di mettermi in gioco e sono partita per l’Austria per vivere un anno da volontaria europea: lì il mio bagaglio è diventato ancora più ricco di esperienze.

Ho sempre pensato che la mia vera inclinazione fosse quella di diventare libero professionista, avendo un’indole organizzata e avventurosa, due concetti che sembrano cozzare ma che in realtà sono essenziali per buttarsi in questo tipo di professionalità.

Al rientro ho ottenuto una borsa di studio per un master in Comunicazione pubblicitaria presso lo IED di Milano. In seguito sono approdata nella casa Editrice DeAgostini, dove per 5 anni sono stata l’assistenze dell’Art Director della sezione adulti e poi ragazzi e edizioni speciali.

Amo mettermi in gioco, confrontarmi e trovare soluzioni che mi obblighino ad uscire dalla mia comfort zone.
Ho aperto la Partita IVA ed è cominciata la mia avventura, che è faticosa ma appassionante perché mi mette di fronte sfide ma anche persone sempre diverse e dalle quali imparo sempre qualcosa. Amo coccolare e viziare le persone che amo, anche nel mio lavoro curo i dettagli, la comunicazione e le relazioni, per cogliere sempre nuovi spunti e nuove possibilità.

Lo scorso anno sono diventata mamma, la sfida più grande per ogni donna e per ogni libera professionista: in quel momento ho capito che gli ultimi 5 anni di lavoro mi avevano portata fino a lì. Ho seguito progetti con e per le mamme e i loro piccoli,  per le donne indaffarate e che vogliono rimettersi in gioco. Ho creato corsi di cucina per aiutare a prendersi cura di sé e dei propri cari, brochure e presentazioni per sostenere le donne vittima di violenza, per riprendere in mano le proprie vite, progettato eventi e soluzioni per insegnare ai bimbi a mangiar sano grazie alla mia startup Merende diverse; ho partecipato alla realizzazione di un progetto per le famiglie che sta diventando una realtà importante per il nostro territorio. Insomma: ci sono e voglio esserci per tutte le donne indaffarate che hanno bisogno di una mano perché se è vero che per educare un bimbo ci vuole un villaggio, per aiutare una mamma freelance ci vogliono altre mamme creative!

Tanti buoni
ingredienti

Quanti buoni ingredienti
compongono una persona?

Io sono una creativa, una mamma,
una libero professionista, una sognatrice…

Graphic & visual design

Creo servizi e prodotti creativi che spaziano dalla comunicazione per freelance, partendo dalla scelta della palette personale di colori, arrivando al logo passando dallo studio dell’immagine coordinata; impaginazione di vario genere dal libro stampato alle cartoline, poster, magliette, spille, compreso il packaging e gli espositori.

Seguo progetti per le famiglie, i bambini e le donne, aiutando nella creazione della grafica per bandi di concorso, per allestimenti e organizzazione della parte comunicativa degli eventi.

Se ti interessa guarda il mio portfolio, ho raccolto alcuni dei miei lavori.

Cucina Naturale

La cucina è parte integrante della mia vita, probabilmente come quella di tutti. Io sono nata in una famiglia che ha fatto delle scelte consapevoli e questo per me è stato un dono. Ho iniziato a cucinare da molto piccola, avendo genitori che mi hanno trasmesso la passione per il cibo sano e gustoso. All’università cucinavo per tantissime persone, avendo 5 coinquilini e tanti amici, e la mia attenzione si è concentrata sulle allergie e intolleranze dei miei ospiti. Ho cominciato a studiare dei menu che andassero bene per tutti, cercando di far sentire tutti amati e coccolati.

Ho frequentato corsi di cucina naturale dal diploma di Macrobiotica, al master in pasticceria Vegana con Simone Salvini, ai vari eventi a cui ho preso parte grazie anche al mio amico Stefano Momenté. Tengo corsi dal 2012 presso strutture private e pubbliche, ai ragazzi del corso di Operatore della trasformazione agroalimentare.

Se ti interessa ho un blog di cucina, anche se ultimamente lo sto un po’ trascurando, è un pezzo importante della mia vita!.

Progetti & passioni

Sono una persona molto attiva e amo collaborare con varie realtà, per poter continuare a seguire le mie inclinazioni e passioni.

Da qualche tempo ho creato Merende diverse, una startup di mamme esperte di merende! Aiutiamo attraverso azioni, sia online sia offline, le famiglie a prendere consapevolezza dell’importanza dell’alimentazione per la salute.

Ho collaborato con riviste online e con la stampa locale, scrivendo di eco sostenibilità, design e alimentazione.

Sono grande sostenitrice e la grafica del progetto Trovatempo, la città delle famiglie, a Candelo, di cui io ho curato la parte grafica.

Sono una reticella della rete di Biella, ed ex leader della Rete al femminile di Vercelli, progetto nazionale per la creazione di reti e il miglioramento dell’imprenditorialità al femminile.

Leave a comment