Biglietto da visita per un director

Un biglietto da visita per un director che racconta con le immagini

Cos’è un director? Qualcuno che dirige, in vari ambiti. In questo caso è un regista, una persona che racconta il mondo grazie alla telecamera, grazie al suo modo di scrivere e annotarsi il mondo attorno a sé. Questo biglietto da visita vuole essere un piccolo aiuto per questo professionista per me molto speciale.

Non solo un cliente speciale, ma persona a cui tengo molto, mi ha chiesto di crearlo uscendo un po’ dagli schemi. Ebbene sì: anche i fratelli a volte chiamano per avere un aiuto.

Ci conosciamo bene, ma è stato trattato come ogni cliente. Con attenzione, tante prove, tante proposte, tante chiacchiere per capire cosa volesse trasmettere, cosa volesse evitare. Anche la job description ha richiesto del tempo affinché fosse puntuale, ma senza troppi giri di parole.

Farà parte di noi, questo biglietto da visita. Sembra strano che un foglietto di carta racconti molto, ma è così. Anche la scelta della carta, del tipo di stampa, dei colori o dell’uso del bianco e nero…

Cosa racconta questo biglietto?

Essere un regista, un director, uno che con l’immagine lavora vuol dire tante cose. In questo caso precisione, sfumature, ordine, semplicità e profondità come le sfumature di blu che ha scelto per raccontare il suo mondo su carta.

Ho scelto una con pochissime grazie, molto  minimal.
Il colore è una campiture di colore, come una pennellata su foglio ruvido, per raccontare le sfumature e le imprecisioni del mondo che racconta.

Voleva essere essenziale. Pulito. Diretto. Perché anche lui è così ed è giusto che lo comunichi, senza troppo rumore, ma con forza e determinazione.

Come una bella stratta di mano. Semplicità e onestà intellettuale. Perché è importante raccontare con le immagini, per chi fa il nostro mestiere e capire chi siamo per trasmetterlo al meglio.

Per me sei così, ti ci ritrovi brotha?

Risultato finale

Leave a comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: